Bill Viola – Visioni interiori

Palazzo delle Esposizioni, 21 ottobre – 6 gennaio

Bill Viola, considerato un pioniere nel campo della video arte, è internazionalmente riconosciuto come uno degli artisti leader del momento. Attraverso la sua opera ha gettato le basi per la concezione del video come una forma vitale di arte contemporanea, e in tal modo ha contribuito alla sua espansione e al suo sviluppo in termini di tecnologia, contenuti, e storia. Per oltre 35 anni le sue creazioni sono state eclettiche dal punto di vista del medium, passando dalle video installazioni architettoniche, a performance di musica elettronica, a pezzi per la TV.

Le video installazioni di Viola sono interi ambienti che avvolgono totalmente lo spettatore con le immagini e il suono attraverso l’uso di tecnologie all’avanguardia, distinguendosi per la loro efficacia e semplicità. Viola utilizza il video per esplorare i fenomeni di percezione sensoriale come una via di auto-conoscenza. Le sue opere si concentrano sulle esperienze umane universali: la nascita, la morte, l’evoluzione della coscienza. Esse gettano le proprie radici allo stesso tempo nell’arte orientale e occidentale, così come nelle tradizioni spirituali, tra cui il buddismo zen, il sufismo islamico e il misticismo cristiano. Utilizzando il linguaggio più profondo del pensiero soggettivo e della memoria collettiva, i suoi video comunicano a un vasto pubblico, permettendo agli spettatori  di sperimentare direttamente il lavoro, in modo personale.

 

Bill Viola – the Reflecting Pool (1979)

Nei suoi viaggi Bill Viola ha raccolto materiale in numerose parti del mondo: ha registrato le arti tradizionali dello spettacolo nelle Isole Salomone, a Java, Bali, e in Giappone. Insieme alla moglie Perov Viola ha filmato miraggi nel deserto del Sahara, ha studiato la coscienza degli animali allo Zoo di San Diego, ha svolto uno studio fotografico sui siti di arte rupestre dei nativi americani, ha viaggiato per 5 mesi nell’America del Sud- Ovest filmando paesaggi notturni nel deserto con telecamere particolari, e recentemente è andato a Dharamsala, in India, per riprendere una preghiera con la benedizione del Dalai Lama.

La mostra al Palazzo delle Esposizioni, curata da Kira Perov, moglie e collaboratrice di una vita di Bill Viola, presenta una selezione di opere comprendente esempi differenziati delle sue ricerche artistiche recenti: installazioni in grande formato tra le più celebri e spettacolari (The Crossing, the Veiling), rivisitazioni video di icone della storia dell’arte (the Greeting, Emergence), e immagini su schermo piatto in cui – attraverso sequenze rallentate e silenziose di prodigiosa espressività – l’artista si concentra sul mistero delle emozioni umane (Dolorosa, Anima, Silent Mountain, the Locked Garden).

PM

Redazione videoart

Vai all’ INDICE

Bill Viola – Visioni interioriultima modifica: 2008-10-28T18:40:00+00:00da eguidevideoart
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Bill Viola – Visioni interiori

Lascia un commento